Caminetti certificati CALOR

La linea di camini certificati di design monoblocco di LC permettere di ottenere varie misure e modelli: con il piano tradizionale, ad angolo, esagonale, curvo e a U.

La finitura può essere scelta tra una vasta gamma di colori laccati anche a campione, oppure effetto ruggine.

L’ottima resa energetica è garantita dalla camera di combustione, costruita con materiale refrattario.

Per la stessa ragione favorisce l’accumulo del calore e un suo graduale rilascio nel tempo.

Questo garantisce agli ambienti una temperatura costante anche dopo lo spegnimento.

La sicurezza e la pulizia della macchina sono garantite da un vetro di protezione che evita fuoriuscite accidentali di materiale.

 Il vetro scorre in apposite guide e  questo migliora di molto la performance termica

Sia le guide che la cornice del vetro sono costruiti utilizzando un particolare tubolare metallico.

Questa struttura garantisce elevata solidità al prodotto e gli conferisce la caratteristica estetica piacevolmente contemporanea.

I camini LC della famiglia Calor lavorano a convezione naturale, e cioè senza l’ausilio di un motore che faccia circolare forzatamente l’aria calda.

Sono costruiti rispettando i parametri vigenti in Europa in tema di emissioni, sono infatti dotati del marchio CE .

In conclusione realizzati riservando grande attenzione non solo alla performance energetica ma anche alla riduzione dell’impatto ambientale.

 

Certificazione in laboratorio

Molte volte il cliente tende a confondere il rendimento di combustione con il rendimento tecnico, mentre i due concetti sono ben diversi: facciamo un po’ di chiarezza!

La normativa prevede che nel libretto del camino venga fornito il rendimento di combustione con le emissioni in atmosfera, ovvero la qualità della combustione.

Il rendimento termico o rendimento reso all’ambiente, invece, non viene normalmente indicato dai produttori, in quanto non richiesto dalla normativa.

In laboratorio l’apparecchio viene testato installandolo su una pesa elettronica che rileva il peso degli incombusti (cioè la cenere) e con strumentazioni che rilevano le emissioni in atmosfera.
La resa termica, invece, è determinata dal volano tecnico, che dipende da come viene costruito l’apparecchio.

Per questo motivo ci sono apparecchi con lo stesso rendimento di combustione ma con rendimenti termici differenti.

Riassumento come obbiettivi:  abbassamento delle emissioni da un lato e di aumento della sicurezza dall’altro.

Dati che vengono costantemente aggiornati nel rispetto dei parametri previsti sia dalle normative italiane che da quelle europee.

Rivestimenti camini su misura

Nel realizzare il progetto della parte estetica del camino, bisogna tener presente che il monoblocco deve essere staccato dalla parete e che, allo stesso tempo, il rivestimento frontale e laterale deve essere staccato dalla macchina: la distanza, ovvero l’aria che si crea attorno, chiamata anche cavedio tecnico, dovrebbe essere di almeno 5cm.
Pertanto, la bocca camino ha sempre bisogno di una cornice contorno bocca che realizzi questo distacco, a prescindere dal materiale utilizzato.

Se si sceglie un rivestimento realizzato con materiale infiammabile, è necessario inserire anche un pannello di materiale ignifugo, che andrà posizionato tra la macchina, l’aria e il rivestimento.

Un altro fattore rilevante sono le fessure di decompressione, o di scarico temperatura, da realizzare nella parte superiore del rivestimento.

Infine, nella fase di progettazione, bisogna tenere presente la dilatazione termica dei materiali dell’apparecchio: anche a questo scopo risulta importante il cavedio tecnico.